L’OMS rilancia le medicine non convenzionali

Il rapporto The WHO Traditional Medicine Strategy 2014-2023 sollecita gli Stati a integrare le medicine complementari nei sistemi sanitari nazionali facilitandone l’accesso a tutti.

L’organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato l’ultimo rapporto sulle medicine complementari e tradizionali diretto ai governi. Il documento, che si intitola The WHO Traditional Medicine Strategy 2014-2023 , è chiarissimo nella sua presa di posizione: “Le strategie qui definite puntano a supportare gli Stati membri nello sviluppo di politiche fattive e di piani di azione che rafforzino il ruolo delle medicine tradizionali e complementari nel garantire la salute della popolazione”.

L’obiettivo per le nazioni dovrà essere quello che “utilizzare il potenziale contributo che le medicine non convenzionali possono fornire alla salute e ad un sistema di cura centrato sulle persone e sul loro benessere” e di “promuovere la sicurezza e l’efficacia di tali medicine regolamentando, facendo ricerca e integrando i prodotti, gli operatori e la pratica nel sistema sanitario. laddove ciò si riveli appropriato”. L’Oms ha dato da tempo segnali di apertura nei confronti delle medicine tradizionali e non convenzionali che l’Italia con la Sanità condizionata da industria farmaceutica e baronie mediche,non raccoglie.

Nel Rapporto, l’Oms raccomanda anche agli Stati di aumentare la disponibilità e l’accesso a tali medicine, soprattutto per le fasce di popolazione meno abbienti e ne sollecita un uso razionale.
Il rapporto prende in considerazione le medicine tradizionali vere e proprie come quella cinese, ayurvedica e Unani e le medicine non convenzionali tra cui omeopatia, antroposofia, naturopatia, osteopatia e chiropratica.